La Scuola LIANG HUO

 

Nasce nel 1998, con lo scopo di diffondere discipline e tecniche orientali attraverso i corsi proposti, continuando l'opera svolta dal 1987 a Castel Bolognese dalle Scuole TIAN-DI-HE e SHUI-XIN-SHEN. Le arti marziali si ispirano alla filosofia orientale, che osserva soprattutto il silenzio, la concentrazione, la disciplina del pensiero e del corpo oltre a un profondo rispetto per la natura e l'essere umano. la scuola del doppiofuoco vi aiuta ad avvicinarvi a questa filosofia!

 

I principi sui quali si basa sono:

1) SCOPO DELL'ARTE E' COLTIVARE L'ESSERE

Se facciamo della violenza lo scopo del Kung Fu abbassiamo il nostro spirito ad un livello disumano.

L'attività agonistica e il mantenersi in forma fanno parte della pratica ma non ne sono il fine. Neppure il combattimento con un avversario al di fuori di noi stessi è lo scopo ultimo dell'arte

 

2) RISPETTO

Quando negli esercizi in coppia non controlliamo le tecniche o quando facciamo un massaggio svogliati, stiamo mancando di rispetto verso il compagno. Il saluto all'inizio, alla fine e durante la lezione rappresenta il rispetto e la considerazione fra i praticanti.

 

3) ASCOLTARE

Ascoltare il proprio corpo significa cominciare a conoscerlo. La conoscenza del corpo incoraggia e fa da fondamento alla conoscenza dell'essere.  Quando da soli ci facciamo male negli esercizi preparatori significa che abbiamo mancato di ascoltarci. Il corpo è il tempio dell'anima: Cominciamo a conoscerlo.

 

4) SILENZIO

L'insegnamento è una via a senso unico: C'è chi insegna che è uno e chi apprende che sono molti.

Se tutti parlassero non sarebbe possibile praticare. Interrompete la lezione solo quando è veramente necessario e prendete l'abitudine di fare le vostre domande dopo il saluto di fine lezione. Essere in silenzio significa essere ricettivi e attenti.

 

5) CONTROLLO

La mancanza di controllo è collegata alla mancanza di rispetto: Se siamo pieni di orgoglio o di voglia di emergere non controlliamo le tecniche e manchiamo di rispetto verso il compagno. Non  dovremmo dispiacerci solo di costituire un pericolo ma anche di essere incapaci di "cavalcare la propria tigre".

 

6) LASCIARE IL MONDO FUORI

Nelle arti marziali si dice che quando sali sul Ti Tang (tappeto della pratica) lascia il mondo fuori.

Nel tempo in cui pratichiamo il Kung Fu lasciamo fuori il mondo, il lavoro, lo studio, le inimicizie……Concentriamoci e siamo presenti in quello che facciamo.

 

7) CONCENTRAZIONE

Questo principio riassume un po'i precedenti, abbiamo bisogno di una continua attenzione per fare del Kung Fu una strada di crescita morale e una fonte di miglioramento dei rapporti esterni (controllo, silenzio, rispetto) e di quelli interni (conoscenza di sé del corpo, delle proprie passioni e dello spirito). Cerchiamo di tenere acceso dentro di noi un fuoco di vitalità e conoscenza.

 

8) UMILTA'

Qualsiasi  arte necessita di anni di apprendimento e se dopo anni crediamo di "averla" significa solo che il nostro spirito è limitato 

 

 

 

LE DISCIPLINE

 

 

WUSHU KUNG FU

Lo Stile Tang Lang Quan o Boxe della Mantide Religiosa

SCOPRI

 

 

 

 

SHOU BO

Pratica di combattimento che si rifà agli antichi usi marziali cinesi, ma perseguendo nuovi obbiettivi

SCOPRI

 

 

 

 

DIFESA FEMMINILE

Corso di difesa personale femminile 

SCOPRI

 

 

 

 

 

 

I MAESTRI

 

NICOLA BARZAGLI

Maestro III° Dan riconosciuto a livello nazionale dagli enti sportivi (UISP, ACLI, ASC), Atleta della Nazionale Italiana di Shou Bo (lotta cinese) e Campione Mondiale

 

 

 

 

 

 

ALESSANDRO CARDELLI

Maestro III° Dan riconosciuto a livello nazionale dagli enti sportivi (UISP, ACLI, ASC), Atleta della Nazionale Italiana di Shou Bo (lotta cinese) e Campione Mondiale

 

 

 

 

 

 

I RICONOSCIMENTI OTTENUTI

 

 SCOPRI I RICONOSCIMENTI OTTENUTI DALLA SCUOLA

 

 

 

GLI ORARI DEI NOSTRI CORSI

 

 

SCARICA GLI ORARI